Pastrengo Agenzia Letteraria

stefano
jossa

Stefano Jossa (1966) si muove in un triangolo tra gli estremi dell’Europa, avendo lavorato per quindici anni a Londra e lavorando ora a Palermo, ma con base tra Roma e Napoli. È tra gli accademici più sperimentali e innovativi della sua generazione: ha pubblicato studi di critica letteraria che puntano al ripensamento dei paradigmi, all'impegno intellettuale e al dialogo con la scuola. 

Tra le sue opere più significative si segnalano il volume a sei mani in inglese (con J. E. Everson e A. Hiscock), Ariosto, the Orlando Furioso and English Culture (OUP, 2019); l'excursus sull'italiano rivolto al dibattito pubblico La più bella del mondo. Perché amare la lingua italiana (Einaudi Stile Libero, 2018); e il saggio dal sapore politico Un paese senza eroi. L’Italia da Jacopo Ortis a Montalbano (Laterza, 2013). Di prossima pubblicazione: (con L. Curreri), In balia di Dante e Pinocchio. Per una critica della cultura italiana (Mauvais Livres, 2022).